Referral Tasting (parte1)

Business a tavola ovvero Referral Tasting

Nel blog precedente si parlava di come siano stati significativi alcuni percorsi di referral marketing, in termini di formazione e consulenza verso i miei partners e clienti.

Uno di questi percorsi si è sviluppato in un metodo originale che trova applicazioni nel relazionarsi insieme a tavola, in ed extra business: Referral Tasting.

Referral Tasting è un universo intero per me. Ha a che fare col sentire, percepire.

Conoscete le teorie dell’Estetica? Spesso pensiamo ad estetica come un insieme di regole di bellezza canoniche ed esteriori fino alla chirurgia più invasiva. Talvolta ci convinciamo talmente dell’utilità dell’estetica da non sentirci più uniti a noi stessi ma divisi fra quello che dovremmo essere per apparire belli, e quello che in realtà siamo: unici, veri, irripetibili.

Proviamo ad andare alle origini di questa parola per trarne un grande insegnamento. Dal greco estetica è  aisthētikós, descrive l’esperienza di stupore e meraviglia che passa attraverso i sensi e li modifica creando piacere da cui si esclama: che bello! Da qui il detto ben più popolare: non è bello ciò che è (definito) bello, ma è bello ciò che piace. Il piacere va provato, non può prescindere dai sensi.

L’esperienza estetica del bello, poi distorta negli ultimi decenni in bellezza estetica fatta di canoni precostituiti, sta alla base della nostra vita. Perfino chi sa apprezzare un film splatter, horror, uscendo dalla sala del cinema può dire che bello riferendosi alla propria esperienza emozionale vissuta. Pensiamo alle montagne russe: uno shaker totale fatto per stupire, spaventare, allertando tutti i sensi spinti al limite del pericolo e dell’adrenalina.

Se non approfondiamo questo, difficilmente capiremo perché Referral Tasting pone le sue basi proprio sull’esperienza estetica percettiva del bello, a tavola! Che poi slitta in buono.

Ricordate quanto era buono l’odore dei biscotti, magari a casa della nonna? Quanti affetti ed emozioni si legano alle esperienze sensoriali di quando da bambini sapevamo degustare con tutti i sensi sollecitati? I biscotti sono sicuramente gustosi in qualunque pasticceria che abbia una ricetta studiata e provata, ma per noi, i biscotti veramente buoni, sono quelli della nonna! Davanti al buon cibo, possiamo mettere soltanto il cibo buono! Spostando l’accento dal cibo verso la percezione dello stesso, quindi all’esperienza estetica.

La scintilla che accende ciò che è semplicemente cibo e nutrimento, può svilupparsi in amore e cura se desideriamo far sentire bene le persone oggetto della nostra attenzione. Quindi valorizzare in modo positivo lo stupore del nostro partner a tavola, per nutrirlo di esperienze estetiche del buono, oltre che offrire del buon cibo.

Questo sentire estetico legato al piacere del gustare, trova in me origini semplici. La mia famiglia è composta di persone che si sono date da fare per vivere e che non sono mai state facilitate da eventuali agi di status sociale.

La cosa bella è che non è mai mancata l’attenzione e la cura per il cibo buono, condiviso volentieri con altre persone con cui stare insieme a nutrirsi. Era bellissimo. Nutrirsi di cibo, ma anche di affetti, parole, racconti, sorprese, risate, cattive notizie, tutto attorno la tavola, la vita attorno alla tavola:

“Sentendomi triste per la giornata cupa e la prospettiva di un domani doloroso, portai macchinalmente alle labbra un cucchiaino del tè nel quale avevo lasciato inzuppare un pezzetto di madeleine. Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicissitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita… non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale”(…)”All’improvviso il ricordo è davanti a me. Il gusto era quello del pezzetto di madeleine che a Combray, la domenica mattina, quando andavo a darle il buongiorno in camera sua, zia Leonia mi offriva dopo averlo inzuppato nel suo infuso di tè o di tiglio”

Non dimentichiamo che Marcel Proust è stato il primo letterato a mettere giù emozioni/ricordi legati al cibo, in ‘Alla ricerca del tempo perduto’.

Vediamo che resta nella storia proprio la Madeleine di Proust citata nel gergo comune come sindrome di Proust.  Il déjà vu, lo stupore, il trasalire di ricordi emozionanti grazie al risveglio del senso cui questi si sono ormai indelebilmente associati. Non sono solo importanti i contenuti del cosa si mangia, quindi, ma tutto l’insieme! Referral Tasting intende infatti aiutarci a nutrire la relazione professionale in senso più ampio passando per l’esperienza vissuta insieme nella sua totalità senza tralasciare alcun dettaglio.

Social:

Altri articoli

Referral Tasting a BMeeting - Cagliari

Referral Tasting a BMeeting

Referral Tasting arriva a Cagliari al BMeeting organizzato da BCity Sono rimasto veramente colpito dal bellissimo clima respirato in questo giovedì di ottobre, soprattutto per

Degustare la Relazione - 29 settembre 2021 - Claudio Messina

Degustare la Relazione – 28 settembre 2021

Hai mai sentito la frase che dice: “𝐀𝐬𝐜𝐨𝐥𝐭𝐚 𝐭𝐞 𝐬𝐭𝐞𝐬𝐬𝐨, 𝐜𝐚𝐩𝐢𝐫𝐚𝐢 𝐦𝐞𝐠𝐥𝐢𝐨 𝐠𝐥𝐢 𝐚𝐥𝐭𝐫𝐢”? Questo è uno dei 𝙘𝙤𝙣𝙘𝙚𝙩𝙩𝙞 a me più cari, perché non

Degustare la Relazione - 22 settembre 2021 - Claudio Messina

Degustare la Relazione – 22 settembre 2021

𝐐𝐮𝐚𝐥𝐞 𝐦𝐞𝐭𝐨𝐝𝐨 𝐮𝐭𝐢𝐥𝐢𝐳𝐳𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐟𝐢𝐬𝐬𝐚𝐫𝐞 𝐫𝐢𝐜𝐨𝐫𝐝𝐢 𝐨 𝐦𝐨𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐢𝐜𝐨𝐥𝐚𝐫𝐢 𝐜𝐡𝐞 𝐭𝐢 𝐡𝐚𝐧𝐧𝐨 𝐜𝐨𝐥𝐩𝐢𝐭𝐨 𝐩𝐢𝐚𝐜𝐞𝐯𝐨𝐥𝐦𝐞𝐧𝐭𝐞? Uno di questi è la 𝙨𝙘𝙧𝙞𝙩𝙩𝙪𝙧𝙖. 𝙋𝙧𝙚𝙣𝙙𝙚𝙧𝙚 𝙣𝙤𝙩𝙖, in qualunque contesto,

Contattami