Close

Relazionale vs Transazionale (parte 1)

Negli ultimi dieci anni, come imprenditore e consulente già impegnato in vari settori professionali, ho focalizzato un metodo d’approccio e sviluppo relazionale puntando tutta la posta in gioco sulla persona, sulla fiducia nel rapporto, sull’allineamento ai valori specifici ed unici di ognuno di noi come caposaldo della relazione stessa. Questo mi ha permesso di scoprire e valorizzare ciò che è veramente nelle mie corde, il mio vero talento: coltivare e sviluppare relazioni.

Coinvolto in percorsi specifici di referral marketing come BNI di cui curo lo sviluppo nazionale da diversi anni, oppure come ideatore e fondatore di Referral Tasting, un metodo che mette la relazione al centro del concetto di “cura” e nutrimento della relazione a tavola, trovandomi anche a supportare decine di percorsi individuali come consulente aziendale, ho messo a punto un sistema ragionato per poter porre a reddito le relazioni professionali vivendole in maniera proficua. Nel corso degli anni ho intervistato e dialogato con centinaia di imprenditori e professionisti per comprendere e far emergere le migliori pratiche da mettere in campo per avere il successo relazionale sperato ed anche per fare del bene. Approcciarsi in modo sostenibile al mondo delle relazioni è la mia aspirazione passando dal consueto approccio transazionale a freddo a quello relazionale basato sulla fiducia da un lato e sulla focalizzazione del target dall’altro, affinché la business partnership sia allineata completamente ai valori della persona.

Per transazionale intendiamo un approccio, verso il prospect, finalizzato ad una compravendita con una serie di attività svolte ad ottenere questo scopo prestabilito e studiate a tavolino, anche all’insaputa del cliente desiderato. In contrapposto, l’approccio relazionale non ha un fine predeterminato. E’ il luogo in cui una relazione può essere l’apri porta per una serie di trattative transazionali inaspettate. Cosa da non confondere con un semplice slittare o posticipare la vendita, ma anteporre la conoscenza reciproca e l’accordo d’intenti alla vendita stessa, stiamo proprio valutando SE creare business insieme e a quale livello di profondità e lunghezza spaziotemporale. Da qui capiamo immediatamente come il metodo relazionale stravolga il tradizionale metodo di approccio e vendita.

Social:

Altri articoli

Imprenditori senza confini - Claudio Messina - Referral tasting

Imprenditori senza confini (2)

Leggendo l’articolo precedente, si comincia a delineare cosa intendo per imprenditore senza confini: persone, esseri umani, veri, con le loro fragilità e la loro forza,

Buona Pasqua 2020

Buona Pasqua

Qualunque sia il vostro pranzo pasquale, auguro che non manchino mai, a tutti voi e ai vostri cari, gli ingredienti speciali di questa festa: pace,

Contattami